Ipotesi e studio su differenti anomalie riprese.

Ostinatamente ho più volte dichiarato che è inopportuno ed inutile, addirittura controproducente, rapportarsi sempre con un unico “metodo” durante le ricerche sui fenomi paranormali.
A mio avviso esistono diversi casi, riconducibili a diverse entità in grado di dar luogo a differenti fenomeni.
le differenze bio-fisiche, presunte, tra queste diverse entità, debbono far riflettere e creare un metodo che possa rapportarsi in modo appropriato di volta in volta.
Pondo di seguito l’esempio su 3 diverse anomalie da me rilevate negli ultimi anni, potrete constatare facilmente le notevoli differenze tra di loro.
anomalia-1

 

2

3

Nell’immagine 1 è visibile una condensazione biancastra, ripresa solo nello spettro degli IR ed ergo non visibile ad occhio nudo. Durante il sopralluogo si sono manifestati odori anomali simili a quelli del ferro bruciato durante una saldatura, visivamente abbiamo notato cespugli che venivano compressi verso il basso (Schiacciati) in assenza di vento e di pesi. I rilevatori hanno segnalato campi elettromagnetici improvvisi ed anomali.
Ovviamente è da escludere nebbia o fumo poiche l’umidità era molto bassa e di fumo non vi era traccia (il fumo appare anche in foto normali).

Nell’immagine 2 è visibile una specie di alone rossastro, anche questo nella fascia degli IR, dall’aspetto molto bizzarro in quanto sembrerebbe quasi un mezzo busto, ossia due gambe con scarpe (nostra interpretazione). Non sono stati registrati campi elettromagnetici, l’umidità era prò alta ed abbiamo sentito diversi passi di origine ignota a pochi metri da noi.

Nell’immagine 3 (ripresa da un video IR) è visibile una sfera luminosa che sembrerebbe emanare dei piccoli raggi e ruotare su se stessa. Questa immagine la posto in quanto, anche in questo caso, è risultata visibile alla telecamera IR e non a quella normale.

Tutte è tre le immagini sono da me considerate interessanti anomalie, meritevolio almeno di attenta riflessione.
Come potete ben intuire dalle foto e dalle descrizioni, ipotizzando che si tratti di 3 entità differenti, le stesse avrebbero in comune solo la visibilità tramite gli IR, differente per via della loro differente natura.
Quindi è doveroso creare, sulla base dell’osservazione, una basilare classificazione in grado di fungere da base per la creazione di differenti metodi di indagine.
Quindi nel momento dell’indagine sulla testimonianza (li dove vi sia), riportare la descrizione fornita dal testimone ad uno dei casi da voi stabiliti come esempio classificato, questo per poter poi operare in un modo più mirato e meno sottoposto alla casualità.

Mario Contino
Copyright su testi e immagini, vietata ogni riproduzione.

I commenti sono chiusi.