NASA: una flotta UFO enorme dietro la Luna

foto 2

Un consulente alla NASA e del’ NSA ha fatto una serie di dichiarazioni incredibili.

Nel corso degli ultimi 12 anni, il dottor Eric Norton, un consulente esterno per la NASA e l’ NSA, è stato responsabile per l’identificazione di minacce provenienti dallo spazio, come asteroidi e comete. Tuttavia, nel gennaio 2012, ha identificato qualcosa di serio. Notò una enorme flotta aliena dirigersi verso la Terra

Il 22 gennaio, è stato invitato parte del materiale al Mac Donald Observatory, situato vicino a Fort Davis in Texas. Gli strumenti forniti da questo osservatorio lo hanno aiutato a notare questo gruppo minaccioso di UFO.

“Ho visto molti velivoli di grandi dimensioni, tre oggetti spaziali tridimensionali, che volavano in una formazione in linea retta verso la Terra”.
E’ diventato chiaro che gli UFO erano tecnologicamente molto sviluppati, perché dopo questa osservazione di tre mesi, Norton si accorse che si stavano muovendo in fretta, percorrendo milioni di chilometri in appena un paio di mesi.

I dati raccolti mediante spettroscopia dichiararono che questi oggetti erano fatti di materiali radicalmente diversi e migliaia di volte più duri di qualsiasi cosa mai sviluppato sulla Terra. Logicamente, questa teoria ha innescato gravi preoccupazioni dei membri del team di ricerca.

Inoltre, le immagini a infrarosso dello spettro dimostrarono che le particelle cosmiche erano state deviate da alcuni campi energetici verso il campo magnetico terrestre. Mentre, il gruppo degli UFO, era in viaggio attraverso il sistema solare; i telescopi potevano fornire ulteriori dettagli su questi oggetti volanti. Queste, erano enormi astronavi “tridimensionali” con la forma di oggetti a “I”.

Nel gennaio 2013, si è presupposto che questa flotta provenisse dai pressi di Marte, così è stato ragionevole pensare che si stavano avvicinando il nostro pianeta. Tuttavia, improvvisamente sono scomparsi, lasciando Norton nella convinzione che avessero la possibilità tecnologia di diventare invisibili e quindi di scomparire alla tecnologia in nostro possesso.

foto 1

Negli ultimi dieci anni, gli scienziati hanno fatto progressi significativi nel campo dello sviluppo della tecnica mimetica. Pertanto, è logico pensare che delle civiltà avanzate extraterrestri abbiano già la tecnologia in grado di rendere le loro navi invisibili.

Un’altra possibilità è che abbiano cambiato il loro corso e quindi destinazione. Nonostante l’utilizzo di telescopi a raggi infrarossi, Norton e la sua squadra non potettero individuare la loro postazione.

Nel corso dei successivi due mesi, Norton era perplesso e teso, perché non solo egli non sapeva dove la flotta fosse, ma anche lui stesso non poteva capire quale fosse la loro intenzione.

“Sapevo che il livello di preoccupazione e frastornamento delle autorità in carica era perplesso per questi risultati, ed era per questo motivo che ero sotto costante protezione di agenti dei servizi segreti. Abbiamo trascorso l’intero anno del 2013 scettici guardando il cielo. Non sapevamo cosa stava succedendo o dove le navicelle spaziali fossero scomparse. Secondo i miei calcoli, la flotta avrebbe dovuto essere così vicino al nostro pianeta così che tutti potessero vederla anche senza un telescopio. Non sapevamo se erano ancora in movimento verso di noi, o avevano già lasciato il sistema solare”.

Quasi un anno dopo, Norton sentì dal suo ex collega che la flotta si era mostrata di nuovo e che era atterrata sulla Luna, questo era stato scritto in un rapporto interno fornito dai colleghi di Norton.

foto 3

Per fortuna, il Lunar Reconnaissance Orbital Camera ha fotografato l’oggetto e le immagini finirono su Google Moon. Queste immagini testimoniavano che un oggetto non identificato era sbarcato in un cratere delle dimensioni di Chicago. Ciò significa che chiamandolo enorme non era nemmeno vicino ad una descrizione accurata.

Il Dipartimento della Difesa lanciò tre razzi Terrier-Orion da Wallops Flight Facility della NASA il 15 gennaio 2014, come anche indicato nella relazione. I lanci vennero etichettati come “top secret”, e la loro missione rimase un mistero per il pubblico in generale.

Nel 2015, il dr. Norton ha sottolineato che le sue scoperte avrebbero potuto produrre un effetto pericoloso. “Quando si tratta di rivelare informazioni al pubblico, devo stare attento al fine di proteggere me stesso”. Egli era anche convinto che le informazioni classificate in suo possesso avevano il potenziale di causare problemi in pubblico e alla massa per quanto riguardava il fenomeno UFO.

Un trapelare di informazioni avrebbe potuto causare molti problemi. Ciò avrebbe significato in primis il crollo di tutte le religioni, così come la ripartizione della società stessa.

Anche se le dichiarazioni di Norton sono abbastanza scioccanti, egli non ha voluto fornire al pubblico informazioni più dettagliate. Eppure, è comprensibile il motivo per cui, si prenda in considerazione il livello di segretezza che accompagna questi rapporti.

Tuttavia, ha ragione quando dice che il governo avrebbe fatto di tutto per coprire un intervento extraterrestre di queste dimensioni.

Sembra che avremo le nostre risposte una volta che la flotta atterrerà, semmai, sulla Terra.

Armando Rossi

Precedente Super Umani; Q. I. 1000 Successivo MUFON, ricevuto segnale SOS