Super Umani; Q. I. 1000

Geneticamente, gli esseri umani ingegnerizzati potrebbero avere un QI di 1000 o anche superiore. Almeno questa è la teoria da scienziato Stephen Hsu.hsu-poster-800x450

Hsu spiega essere qualcosa di erudito scientificamente, svolgendo con un lavoro di pertinenza di fisica quantistica, l’energia oscura, dove la finanza e la sicurezza delle informazioni, così come la genomica e la bioinformatica, avviene attraverso l’applicazione di informatica e statistica di dati biologici. Ha conseguito ufficialmente il titolo di vicepresidente per studi di ricerca, è laureato alla Michigan State, dove è anche professore di Fisica Teorica.

Egli pensa che il “Tweaking” (movimento in ballo) dei nostri genomi potrebbe rendere gli esseri umani drasticamente più intelligenti. Hsu spiega il suo modo di affrontare la cosa su Nautilus, e le implicazioni sono così allettanti così quanto terrificanti. Ha pubblicato anche la teoria più in dettaglio su un ArXiv (archivio elettronico), come revisione primaria, una sorta di prima dimostrazione ponderata.
Come rendere un essere umano più intelligente
“La possibilità di super-intelligenza segue direttamente dalla base genetica dell’intelligenza. Caratteristiche come altezza e la capacità cognitiva sono controllati da migliaia di geni, ciascuno di piccolo effetto”, scrive Hsu.
Da precedenti studi del genoma, Hsu dice che si possono stimare che probabilmente ci siano circa 10.000 di queste varianti geniche associate all’ intelligenza. Se siamo in grado di modificare ciascuna di queste varianti nella loro versione “intelligente”, in modo che queste contribuiscano in piccola parte ad aumentare la normale intelligenza in intelligenza superiore, potremmo progettare esseri umani che: “presenterebbero capacità cognitive, avente circa 100 ‘deviazioni’ standard sopra la media. Ciò corrisponderebbe a più di 1.000 punti di QI “.
Hsu è anche un consulente scientifico per la BGI, ex Genomica di Pechino, e uno dei fondatori del Cognitive Genomics Lab, di sua proprietà. Secondo le voci che emersero lo scorso anno, il BGI è attualmente in fase di sequenziamento dei genomi di 2.000 persone, le più intelligenti del mondo nella speranza di realizzare un programma di ingegneria costituito da bambini super-intelligenti.BGI-shenzhen
Hsu e la BGI non sono gli unici che predicono la superiorità attraverso il miglioramento genetico. Nel suo libro “Superintelligenza” di recente pubblicazione, Nick Bostrom, direttore fondatore del “Future of Humanity Institute” all’Università di Oxford, concorda sul fatto che la genetica è la chiave per la creazione degli uomini super-intelligenti. Utilizzando lo screening genetico degli embrioni prima dell’impianto, i genitori possono trovare e selezionare gli embrioni che possiedono questi alleli “turned-on” per l’alta intelligenza.
E con “ulteriori progressi nella tecnologia genetica”, Bostrom, aggiunge, “può essere possibile sintetizzare genomi su specifica, ovviando alla necessità di grandi ‘piscine’ di embrioni”.
Bostrom prevede che, “una volta che questa tecnologia è maturata, un embrione potrebbe essere progettato con l’esatta combinazione preferita di ingressi genetici di ciascun genitore,” e ” i geni che saranno presenti in nessuno dei genitori potranno anche essere impiombati e compresi negli alleli che saranno presenti a bassa frequenza nella popolazione, ma che potranno comunque avere effetti positivi significativi sulla cognizione”.
Non è tutto divertimento e un gioco il genoma
Cosa vorrebbe dire, esattamente? E’ quasi impossibile da immaginare. Come Hsu sottolinea, la scala intellettiva in Q.I. ideata dalla nostra mente umana gracile, potrebbe anche non significare nulla a quel livello di intelligenza. Si specula sulle capacità cognitive tali dei superumani che avrebbero in loro possesso:
“Possiamo essere sicuri che, qualunque cosa significhi, una capacità di questo tipo sarebbe di gran lunga superiore alla massima capacità mai esistita tra i circa 100 miliardi di individui totali che abbiano mai vissuto sulla terra nella sua esistenza. Possiamo immaginare le capacità ‘Savant-like’ (sindrome di Savant) che, in linea di massima, potrebbero essere presenti tutte in una volta: quasi perfettamente richiamate dalle immagini e dal linguaggio; un pensiero super-veloce e una super capacità di calcolo; una potente visualizzazione geometrica, anche in dimensioni superiori; la capacità di eseguire analisi multiple o linee di pensiero in parallelo allo stesso tempo; e… l’elenco potrebbe continuare”.
La prospettiva in roaming di tali superumani sullo stesso pianeta come noi è normale anche se, francamente, terrificante. Come scrive Hsu, “le corrispondenti questioni etiche sono complesse e meritano una seria attenzione a quello che potrebbe essere un tempo relativamente breve di intervallo prima che queste capacità diventino una realtà”.spock_by_moonsprocket

Si ipotizza che in alcuni paesi l’ingegneria genetica sia legale più che in altri paesi, e, che ovviamente, le élite saranno le prime che potranno beneficiarne ed avvalersi dei vantaggi della super intelligenza per sé e per i propri figli. Ma credete, dobbiamo sperare che l’accesso a questo tipo di tecnologia diventerà democratizzata in modo che tutti ne possano beneficiarne.
Armando Rossi.

Precedente La Grande Piramide di Giza; una centrale elettrica! Successivo NASA: una flotta UFO enorme dietro la Luna